Barili di morte

ott 11, 2012 by

Barili di morte

Barili da 250 litri, imbottiti di tritolo e sganciati alla cieca da aerei in picchiata sulle città. E’ l’ultima diavoleria escogitata dall’esercito di Assad, che evidentemente è a corto di missili ma non per questo vuole rinunciare a punire la popolazione, che ha osato ribellarsi al regime. L’ho visto con i miei occhi, ieri, nel villaggio di Haritnan, alla periferia di Aleppo, nella zona sotto il controllo dell’ESL, l’Esercito siriano libero. E non è affatto un bel vedere, perchè queste bombe artigianali quanto devastanti si abbattono molto spesso su obiettivi civili e non militari. Per un calcolo preciso. Scatenare il panico, o meglio terrorizzare e demoralizzare. Quella di ieri è caduta a 100 metri da un ospedale e per fortuna non ha fatto vittime. Ma il fumo, nero come la pece, ha impestato tutta l’area. Questi attacchi dal cielo sono quotidiani e improvvisi, giorno e notte. E sono già 41 i martiri che Haritnan ha dovuto consacrare alla ribellione.

A luglio questa cittadina di 35mila abitanti era stata abbandonata, proprio per via dei bombardamenti indiscriminati con cui il regime rispondeva agli agguati che i combattenti dell’ESL lanciavano contro i convogli militari. Adesso fa parte di un’area profonda una cinquantina di chilometri, fra il confine turco di Killis fino alla periferia di nord di Aleppo, che è controllata dall’ESL e che viene chiamata “Free Syria”. Così si legge al posto di confine, dove sventolano le bandiere a tre stelle della rivoluzione e giovani, zelanti funzionari dell’ESL, kalasnnikov in spalla, applicano sui passaporti dei visitatori in entrata un nuovo timbro. E’ assai probabile che sarà quello della Siria di domani. Ma il problema è che nessuno, per ora, sa quando vedrà la luce.

“Il nostro futuro è nelle mai di Dio – dice Hussein, un combattente rimasto ferito nella battaglia di Aleppo. “Purtroppo – aggiunge – i paesi occidentali non vogliono sporcarsi le mani con la Siria. Ma in fondo non abbiamo bisogno del loro aiuto. Quello che conta è che il popolo è con noi. Ha fatto la sua scelta e lotterà fino alla fine”.

{lang: 'it'}

18 Comments

  1. alexfaro

    Ricucci,faresti meglio a non scrivere baggianate(o a riportare str…ehmm cretinate inventate da altri)!
    Ma come diavolo li appendono i cd”barili”agli attacchi posti sotto le ali e la fusoliera degli aerei come il MIG 21,forse con nastro adesivo,o con il filo di ferro,in quanto gli stessi sono dedicati solo x armamenti ben compatibili(cosa che i cd”barili,non lo sono di certo?
    Se vuoi essere più credibile puoi scrivere che il MIG21 può trasportare un max. di 1.200Kg di carico bellico(tra bombe,razzi e un cannone bicanna da 23mm)in varie combinazioni,ma non tutto insieme.
    Qui le prestazioni del MIG21:
    Pese di origine:URSS(ora Russia)NON più in produzione.
    Tipo caccia intercettore a getto,monomotore,monoposto.
    primo volo:09/01/1956
    Esemplari costruiti:12.000 circa.
    Caratteristiche:
    Dimensioni:apertura alare mt/7,5-lunghezza mt/15,75-altezza mt/4,10-superficie alare mtq/23.
    Pesi:a vuoto KG/5.843-max.al decollo KG/10.400.
    Motore:un turbogetto Soyuz-Gavrilov R25-300 da KG/7.500 con postbruciatore.
    Prestazioni:velocita max.mach/2,1(km-H/2.175)tangenza mt/17.500-autonomia max KM/1.470.
    Armamento fino ad un max. di KG/1.200 di carico bellico(missili A/A,bombe,razzi ed un cannone bicanna da 23mm,in pod ventrale)(dati relativi al MIG21 bis)
    Fonte:DeAgostini,guida compact agli aereoplani.
    Ora se mi vieni a dire che i cd”bidoni”potrebbero essere lanciati da aerei da trasporto(attenzione però solo da quelli con rampa posteriore apribile in aria)in volo lento a bassa quota,o da elicotteri,sempre da trasporto,potrei anche crederci,ma che i”bidoni”siano trasportati dai MIG21,o da altri aerei similari,ad es. l SU22,questo si da attacco al suolo e non un intercettore a raggio limitato come il MIG21!
    A me,come a tutti quelli che si dilettano di storia e tecnica militare,o di aereonautica in particolare risulta una emerita baggianata,che non sta né in cielo né in terra,ma dove la hai scovata questa str..ehmm stupidaggine?
    Un saluto
    Alexfaro

    • admin

      Allora, chiariamo definitivamente questa storia. L’ho già fatto su Facebook, ma evidentemente Alexfaro non ha partecipato alla discussione. 1) I “barili” li ho visti con i miei occhi e c’è un filmato che lo documenta, consultabile sia qui sul mio blog (mi pare) sia sul sito http://www.lastoriasiamonoi.rai.it : 2) nel video montato non si vede l’aereo che li sgancia ma si vede il fumo, nerissimo e del tutto diverso da quello provocato dall’impatto di razzi o missili; 3) dopo aver controllato l’intero filmato e individuato l’aereo in volo ho scoperto che non di MIG si trattava – non ha la forma aerodinamica – ma di un altro velivolo, che però non so identificare; 4) nel reportage che sto montando vedrete tutta la sequenza, e quindi potrete rendervi conto con i vostri occhi di questa “pratica” terroristica adottata dal regime di Assad.

    • alexfesso

      Alexfaro alexfesso non crede neanche quando gli schiaffano i video in faccia. chi dice baggianate?

  2. alexfaro

    Su face-book,ti dò ragione,NON sono iscritto e NON lo seguo x principio.
    X il filmato,purtroppo attualmente uso un portatile Acer,in quanto il mio computer fisso è temporaneamente fuori uso,quindi molti filmati non riesco a vederli x problemi(di compatibilità?)in quanto uso linux invece di Windows.
    Riallacciandomi al discorso di cui sopra;perché allora,se,come dici tu NON sei riuscito ad
    identificare la sagoma dell’aereo attaccante NON hai scritto aereo sconosciuto,
    invece di scrivere MIG21,sarebbe stato molto più onesto da parte tua ammettere di non potere identificare l’aereo in questione,non ti pare?
    E poi quelli che tu definisci “barili”sei sicuro che non siano contenitori di napalm?(i quali però hanno forma aereodinamica,tipo siluro appuntito x intederci)
    Da ciò che mi risulta nessun armamento di caduta,trasportato esternamente da aerei tipo caccia-bombardieri,di nessuna forza aerea,ha la forma di un barile.
    X essere più precisi,alcune bombe che possono assomigliare lontanamente a dei”barili”vengono trasportate nella stiva interna di grossi bombardieri,come ad es. il TU26 Backfire russo od il Northrop-Grumman B1B USA.
    Poi x quello che so l’aereonautica Siriana NON possiede nessun bombardiere con stiva ventrale interna,ma solo caccia od aerei da attacco al suolo,equipaggiati con i cd punti di attacco ventrali ed alari ma esterni alla fusoliera,quindi quello che tu hai visto cos’era?
    Non avertene a male,ma,come appassionato dilettante di storia militare e degli armamenti in particolare,mi picerebbe chiarire la questione(tra tante altre)di ciò che i giornalisti,inviati di guerra,(non dico di te che sicuramente ne sai molto più di altri tuoi colleghi)a volte vedono o sentono parlare,di cose che sono al di fuori della loro competenza specifica,prendendo molti abbagli e scrivendo spesso strafalcioni che non stanno né in cielo né in terra.
    un saluto amichevole(spero!)
    Alexfaro

    • admin

      apprezzo le tue osservazioni. Rispondo in ordine sparso: 1) La gente del posto parlava e parla di Mig, inesperta, io ho fatto una leggerezza non controllando il video; 2) ho consultato degli esperti che mi hanno detto che comunque anche i “caccia” hanno degli alloggiamenti esterni in cui è possibile stivare dei “barili” appositamente costruiti, chissà se è vero; 3) non faccio fatica a credere che l’avazione siriana voglia “risparmiare”sui razzi e sui missili e proprio per questo, volendo mantenere la pressione sul territorio controllato dall’ESL, abbia messo messo a punto degli ordigni artigianali ma altrettanto efficaci e devastanti.

  3. alexfaro

    Caro Amedeo(posso darti del tu e chiamarti x nome,vero?Tanto ormai)
    Vedi il problema sta proprio lì!
    Non so chi siano i cd”esperti”che hai consultato,ma da quello che mi risulta,gli armamenti di caduta(cioé bombe,missili e razzi)i quali hanno una forma affusolata,x non creare,all’aereo trasportante,attrito durante il volo,con la conseguente perdita di prestazioni sia di velocità che di tangenza,ed autonomia.
    Inoltre,devono essere equipaggiati di speciali agganci,i quali devono anche essere compatibili,con gli attacchi posti sotto le ali e la fusoliera degli aerei,sia da caccia che da attacco al suolo,per cui i fantomatici”barili”dovrebbero essere modificati con i suddetti”ganci”con quale perdita di tempo e con quali costi poi?
    Alla fine sarebbe molto più economico,x una forza aerea come quella Siriana,acquistare armamenti di caduta compatibili con i velivoli da guerra in dotazione,rivolgendosi sul mercato internazionale(od interno se la Siria possiede fabbriche di armamenti come bombe,razzi,ecc..)a nazioni come ad es:Nord-Corea,Iran,Pakistan,Bielorussia,ed altre,le quali x vendere praticano prezzi molto ribassati,x acquisire valuta pregiata.
    spero di essere stato esauriente;un saluto
    Alexfaro

  4. alexfaro

    Finalmente sono riuscito a vedere il filmato(non il tuo!)ma quello di cui parlano,quelli che si firmano alexfesso(ma i fessi sono loro!)
    Andiamo x ordine nel filmato in questione si vede l’interno di un elicottero,e non di un jet da caccia od attacco al suolo,dove un militare di nazionalità sconosciuta armeggia con ciò che potrebbe sembrare un ordigno,forse esplosivo?
    Ma da dove cavolo si capisce che sia l’elicottero che i militari a bordo sono di nazionalità
    Siriana?
    Ammetto di NON essere riuscito a capirlo,forse sono fesso?Visto che i suddetti non hanno nessun segno o distintivo di riconoscimento?
    E da dove viene il filmato?Siamo sicuri che sia di origine Siriana,quale é la fonte?
    Aspetto precisazioni,in merito,grazie!
    un saluto
    Alexfaro

  5. alexfesso

    alexfaro: in effetti quello era un cargo dell’esercito americano con soldati travestiti da mediorientali, le città sotto di cartone fatto a cinecittà e te sei sempre il solito coglione

    • alexfaro

      senti A-fesso scrivi meno cazzate ed informati meglio sulle cose,prima di postare minchiate sottospecie di un troll che sei!
      alexfaro

      • admin

        Direi che la discussione può finire qui, perché gli insulti non ho alcuna voglia di ospitarli. Come sanno i miei lettori, non mi sono mai sottratto alle critiche, anche feroci, e sono sempre pronto a rimettermi in discussione per quello che scrivo e che penso. Credo che la discussione faccia bene e credo anche che al mondo d’oggi un giornalista debba essere aperto e trasparente. Grazie a tutti, quindi, e plachiamo i nostri bollori…

  6. alexfesso

    ah dimenticavo, quel tubo che lanciano in realtà è di carta velina e lo buttano perchè si divertono a sparare coriandoli

  7. alberto savioli

    Interessante è vedere, che seri giornalisti sono spesso insultati da personaggi nascosti sotto pseudonimo, ma tali personaggi non sono altrettanto pignoli e maleducati con chi la pensa come loro…
    “La nazionalità di chi le sgancia non è chiara”…ma è chiara la nazionalità siriana di chi le sta prendendo sulla testa:
    nel primo video si dice, con l’accento di Homs, che sono bidoni di TNT sopra i quartieri di Homs, lanciati da elicotteri, e dice che sono bidoni “ovab” (?)
    http://www.youtube.com/watch?v=sQxvOObQRvQ&feature=related
    http://www.youtube.com/watch?v=53VweYcwLc4

  8. alberto savioli

    Per la cronaca, il video di alexfesso
    https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=rj1WJWcke4s
    ripreso poi dal Corriere, dice: Lancio di bombe TNT dagli elicotteri sulle città siriane, e quello che si vede sotto non può essere altro che territorio siriano, se alexfaro conosce con facilità gli armamenti, io in 15 anni di Siria la riconosco con la stessa facilità.

    • alexfaro

      X Alberto Savioli,io NON ho insultato nessuno!(mentre tu sì!)
      Ho semplicemente detto che NON si capisce di che nazionalità siano i militari a bordo dell’elicottero(che mi sembra un(MIL 8 o 17 di fabbricazione Russa,il quale é sì in dotazione alle FF/AA Siriane,ma anche a molte altre sia Arabe che NON)
      Visto che come ho già ampiamente ribadito,i militari a bordo NON hanno nessun distintivo o segno di riconoscimento!
      E poi come fai a dire che il territorio sorvolato é Siriano,anche perché non si vede nessun punto di riferimento!
      Tu dici che l’accento dei militari é di Homs?Ma come sei bravo!Io purtroppo non conosco l’Arabo,come non conosco il territorio siriano,quindi non posso contraddirti,tuttavia come fai a capire ciò visto anche il rumore dell’elicottero,il quale vola anche con i portelloni aperti?
      Poi tu sei lo stesso Savioli,il quale ha aperto una diatriba sulla questione Siriana(e non solo)con Marinella Correggia?
      Se la risposta è affermativa,ho già capito di quale pasta sei fatto,x cui se ciò fosse vero questa è l’ultima risposta che avrai da me,su questo blog.
      Un saluto
      Alexfaro
      .

      • alberto savioli

        1) Il riferimento all’insulto riguardava:
        “Ricucci,faresti meglio a non scrivere baggianate(o a riportare str…ehmm cretinate inventate da altri)!”…se le sembrano parole gentili..
        2) Il riferimento al mio insulto va spiegato.
        3) come faccio a dire che il territorio sorvolato è quello siriano, per lo stesso motivo per cui tu capisci che ti trovi in Italia e non in Croazia o Austria (dall’aereo), 15 anni in Siria e altri tra Turchia e Iraq, ti assicuro che riesci a capire dove ti trovi. E voglio essere più preciso è un territorio compreso tra Aleppo e Hama-Homs!
        4)non devi contraddirmi se non conosci l’arabo, ma mi devi credere, a meno che tu non pensi che scriva cavolate volontariamente, non ne capisco il motivo…
        5) non capisco di quale pasta sarei fatto, con lei come con la Correggia argomento quello che dico, parlo di quello che so, le fantasie, le teorie di complotto e tutto il resto le lascio ad altri. Lei come la Correggia non risponde sulle questioni sollevate, ma accusa e sbraita, io il mio nome lo scrivo in chiaro come ha avuto modo di vedere, non mi nascono con lo pseudonimo.
        6) Io ho portato un contributo in coda all’articolo, non ho scritto nulla nei suoi confronti, se non mi vuole più rispondere è un problema suo, però il motivo di quest’astio lo potrebbe spiegare no?

  9. Orlando

    Ma smettetela tutti e due!!! Volete farci capire che il nostro Admin se ne sta in Siria a rischiare la vita e non riesce a capire nulla di quello che gli succede intorno?

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le bombe negate - SiriaLibano - [...] noti come barili-bomba, già documentate dall’inviato della Rai Amedeo Ricucci, nel villaggio di Hreitan alla periferia di [...]

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>