Di bianco m’abbaglia

set 20, 2011 by

Di bianco m’abbaglia

Non provate a cercarla sulle comuni carte geografiche perchè non c’è. E non provate ad andarci perchè è una “città chiusa”, cui si accede solo se autorizzati, come ai tempi dell’Unione Sovietica. Vi dico però che si chiama Novy Urengoy ed è un puntino sperduto nell’immensa Siberia, nei pressi del Circolo Polare Artico. E’ sorta nel 1975, per via del petrolio. E s’ingrandisce anno dopo anno, perchè da queste parti gli stipendi sono più elevati che nel resto della Russia. Il motivo? Semplice. A Novy Urengoy nessuno resiste a lungo.

Più che una città, sembra un miraggio, una Fata Morgana delle nevi, che t’abbaglia per il bianco e ti stordisce per il freddo. Quando ci sono stato io, con Nino Fezza e Sergheij Kalinin, c’erano 36 gradi sotto lo zero. La norma, laggiù, d’inverno. Col risultato che fare interviste all’aperto era un’impresa – perchè le parole ti si gelavano in bocca – e anche la telecamera dopo un po’ faceva la condensa e si rifiutava di lavorare. Eppure, c’erano bambini che giocavano nei giardini pubblici, uomini allegramente a passeggio e mamme impegnate nello shopping. Ma loro, gli abitanti, pare che abbiano sviluppato un sistema circolatorio più capillarizzato e quindi più adatto al clima; al punto che quando vanno via, in regioni più temperate, come sul Mar Nero, hanno problemi di cuore e fanno fatica ad adattarsi. Noi invece facevamo fatica lì, una fatica boia, anche a respirare.

Freddo a parte, Novy Urengoy – che conta più di 100mila abitanti -  è soprattutto la città di Gazprom, il colosso russo dell’energia. Che quaggiù è padrona di tutto o quasi: bar, alberghi, ristoranti, scuole, ospedali , teatro e non so cos’altro. Tutti qui lavorano per Gazprom, direttamente o nell’indotto. Ed è Gazprom che decide chi entra e chi esce dalla città, chi lavora e chi no. E’ un po’ come nei villaggi del Far West o del Klondike, ai tempi della corsa all’oro; quando il riccone senza scrupoli faceva affari sfruttando il lavoro dei poveri cercatori senza capitali, costretti a vendersi anche le mutande. Qui non è che sia tanto diverso. Solo che al posto dell’oro c’è il petrolio. Stesso miraggio. E stessa maledizione.

{lang: 'it'}

4 Comments

  1. Hello Webmaster, I noticed that http://www.amedeoricucci.it/di-bianco-m%e2%80%99abbaglia/ is ranking pretty low for some keywords, this may be due to the new Google Panda update, or it could be due to a variety of other factors. I’m sure you already know about On-page SEO, where Google cares highly about proper formatting of various H1/H2/H3 tags, having your main keyword appear in the beginning of your post and having your post end with the keyword, along with having keyword related alt tags and very relevant LSI. However, you do not seem to have the proper Keywords or relevant Keywords in your posts and in the website. Right now you need a tool or plugin that will allow you to check on Keyword insights, search trends and check for backlink analysis and to find out your Keyword competition. To find a Keyword Plugin that combines both Keyword Research and has the ability as a Rank Checker is what WordPress Seo Keyword, please check out our 5 minute video.

  2. Roberto Lazzaro

    SONO INTERESSATO ALLA CITTA’ DI NOVY URENGOY COME ARRIVARCI E SAPERE SE CI VOGLIONO VISTI PER POTERCI ACCEDERE.
    GRAZIE A CHI MI RISPONDE.
    R.L.

    • admin

      ciao Roberto. Temo che per arrivare a Novy Urengoy tu debba avere un permesso, a me l’ha dato GAZPROM. Ho notato infatti che all’aeroporto controllano i passaporti, anche dei russi, ed entra chi sta sulla “lista”. Non so però a chi possa e debba rivolgersi un normale “turista”.

  3. Ciao Roberto,vai in Yakutia,credo sia molto più bella.. C’è di tutto come paesaggi.. Inizi dalla capitsle,Yakutsk,ovviamente in Gennaio,con i suoi meno 45 stabili per settimane,poi organizzi un’bel’tour fino ad Ojimijiakon in fuoristrada… È un’giro bellissimo e vedi dalla taiga più a sud,fino alla tundra artica più a nord verso Tiksi,sull’Oceano Artico!!! Colori bellissimi con i coloratissimi albe-tramonti tipici di quelle latitudini in quel’periodo… Ovviamente nei villaggi e nella taiga-tundra le temperature possono tranquillamente oscillare tra i meno 50 e i meno 60… Impazzirei per andarci… Amo l’Artico,il gelo e la Siberia e quel’tipo di paesaggi in generale… Per dirla tutta a quelle latitudini ce ne sono di posti splendidi da vedere durante la lunga notte polare… Non d’estate come le persone che preferiscono viaggi più commerciali e meno caratteristici solo per potere dire”ho visto il sole di mezzanotte”… Che dire dell’Alto Artico canadese.. Partendo dalla bellissima Yellowknife con i suoi mille laghi fino all’isola di Ellesmere,l’Alaska da Fairbanks con il suo meraviglioso Denali National Park dove è stato ambientato un’famosissimo film su un’personaggio singolare come Chris Mc Candless?!? Poi quei pochi fortunati che sono riusciti ad arrivare in Antartide…. Che sogno potere passare i sei mesi di buio polare nella base Amundsen-scott….o nella Wostok con il suo record mondiale del freddo in Giugno… Ma sono comunque per mille motivi posti difficilissimimda raggiungere per i comuni mortali…(non so cosa darei per trovare un’lavoro in uno qualsiasi di questi posti…),quindi per i neofiti che sognano un’primo viaggio a quelle latitudini,per semplicità consiglierei un’bel’tour nella zona di CapoNord,il promontorio di Honningsvag,o le bellissime Kirkenes o Tromso…con la sua università piena di splendide bionde ariane norvegesi… Penso che già solo questo valga il viaggio…eheheh :-) ,per poi ovviamente gustarsi appieno la fine della notte artica e il ritorno del Sole intorno al 12 febbraio alle Isole Svalbard… 1000 circa km dal Polo,ma comunque ancora Europa e molta più semplicità nell’arrivarci… Buon’viaggio a chiunque avrà la fortuna di visitare uno qualsiasi di questi luoghi magici… Anche la commercialissima Rovaniemi per esempio se hai dei bimbi… Ci vivrei anche li nel Finnmark.. Tieni anche presente che a parità di latitudine per via del clima continentale del Canada e della Siberia e per un’ramo della Corrente del Golfo che arriva fin’lassù,fa infinitamente meno freddo nell’Artico europeo che in altri luoghi prima citati… Parliamo di una gran’bella differnza… E anche,dimenticavo per via del mare.. Yellowknife intorno ai 63N va spesso sotto i meno 35,mentre Longyearbien si mantiene ben’lontana da quelle temperature attenendosi spesso tra i meno. 5 e massimo meno 20… P.s.molto suggestive anche le isole sub-artiche-antartiche come le Faroe a nord,e tutte le isole sub antartiche australiane e neozelandesi come Maquarie,Snares,Campbell,Bouvet,o la bellissima e piena di pinguini e fauna marina Giorgia Australe….ecc… Deserte,con un’clima che amo e dove mi stabilirei a vita per fare il guardiamo del faro. Saluti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>