E se Gheddafi sopravvivesse alla sua fine?

set 5, 2011 by

Ormai sono due settimane che il fantasma di Muammar Gheddafi turba il sonno dei nuovi padroni della Libia (e dei generali della Nato). Il suo regime è infatti crollato ma del Raìs non c’è traccia. Si è volatilizzato. E da perfetto uccel di bosco continua a parlare e dar fastidio, impedendo agli insorti e ai loro alleati di cantare vittoria come vorrebbero.

Alla fine molto probabilmente lo staneranno. Anche perchè la Nato ne ha fatto una questione d’onore, pur non potendolo confessare pubblicamente, e il CNT non potrà mai sentirsi tranquillo con Gheddafi ancora fra i piedi. Ma per ora si brancola nel buio. Non era a Tripoli, non era a Sirte, non era a Bani Walid. Potrebbe essere a Sebbha, chissà, o già al sicuro oltre confine, in uno dei tanti Stati africani che lui ha finanziato e che gli sono rimasti amici.

E allora, sarà pure fanta-politica, ma cosa succederebbe se Gheddafi sopravvivesse alla sua fine? Se riuscisse cioè a riparare da qualche parte e da lì continuasse la sua battaglia, tramando e tessendo nuove alleanze per poter tornare in sella? In fondo l’hanno fatto molti leader politici dei Paesi confinanti, a cominciare dal Ciad. E di certo Gheddafi vivo sarebbe una brutta gatta da pelare. Un incubo, conoscendo il personaggio, indomabile. E quindi un’incognita in più nel futuro già difficile e complicato che attende la Libia. Si accettano scommesse.

{lang: 'it'}

Related Posts

Share This

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>