I bambini di Tawargha

feb 17, 2012 by

I bambini di Tawargha

Sorridono, i bambini di Tawargha, mentre cantano in gruppo, per i pochi visitatori che vengono a trovarli in questo campo profughi alla periferia di Tripoli, la ballata della loro disperazione. Hanno riadattato una vecchia canzone libica, mettendo in versi la loro spaventosa odissea: i miliziani di Misurata che attaccano le loro case, la città data alle fiamme, la lunga marcia a piedi 80 di km, e poi la nuova vita in queste baracche di lamiera, la paura costante di nuovi attacchi, lo stupore di chi scopre da un giorno all’altro che è il colore della propria pelle a scatenare l’odio. ” La Libia era un Paese solo - dice la canzone - da nord a sud, da est a ovest. E allora perchè quelli di Misurata ci attaccano con gli RPG?“.

Quella di Tawarga è stata la pagina più nera (e meglio occultata) della cosiddetta rivoluzione libica contro Muammar Gheddafi. E’ stata scritta il 13 agosto, ma a distanza di sei mesi continua a produrre strascichi ed a sanguinare. Un caso da manuale di epurazione etnica, perpetrato dalle milizie (bianche) di Misurata contro la popolazione (nera) di Tawargha, una cittadina di 40mila abitanti, colpevole solo di aver ospitato la 32° Brigata di Khamis Gheddafi nei lunghi mesi dell’assedio a quella che è stata la città-martire della rivoluzione del 17 febbraio. Ancora oggi non si sa di preciso quante siano state le vittime - almeno un migliaio fra i morti e le persone sparite, ci dicono i profughi – ma quello che è certo è che si è voluto cancellare questa città dalle carte geografiche e che i suoi abitanti superstiti sono stati costretti alla fuga, probabilmente per sempre. A nulla però sono servite le denuncie di Human Rigths Whatch e di Amnesty International: le persecuzioni sono anzi continuate anche all’interno dei campi profughi – nella più totale indifferenza delle nuove autorità - e ancora oggi vengono segnalati uccisioni, violenze e arresti arbitrari. L’ultimo attacco delle milizie di Misurata è avvenuto la settimana scorsa, all’interno dell’Accademia Navale di Tripoli, che ospita un altro gruppo di profughi di Tawarga:  il bilancio è stato di 7 morti e una quindicina di feriti. “E’ giusto che chi fra di noi si è reso responsabile di crimini contro la popolazione di Misurata venga punito – ci dice l’anziano che funge da responsabile del campo profughi- ma è assurdo che si voglia punire un’intera città e i suoi 40mila abitanti. E’ giustizia, questa?  Ed è questa la nuova Libia?”

In realtà, a Tawarga si è solo scoperchiato il pentolone dei nuovi odi che rischiano di avvelenare il futuro della nuova Libia. Ai tempi di Gheddafi questo odi erano stati assorbiti e al tempo stesso disinnescati grazie al sistema di alleanze e di prebende con cui il Colonnello esercitava il suo potere. Il resto lo faceva il suo apparato repressivo, che spazzava via ogni dissenso.Oggi, invece, l’instabilità politica e lo strapotere delle milizie consentono agli odi di attecchire, di crescere  e di diventare un fattore identitario assai potente. Emerge così una Libia divisa fra popolazioni bianche della fascia costiera e popolazioni nere del Sud, fra cui da sempre non corre buon sangue e che oggi possono esibire senza remore i reciproci pregiudizi, soprattutto nelle aree dove sono costrette a convivere. E’ quello che sta capitando ad esempio nell’oasi di Kufra, fra i Tubu (neri) e gli Zwai (bianchi), con almeno una cinquantina di morti nelle ultime settimane. Eppure, entrambi i gruppi si sono schierati con la rivoluzione del 17 febbraio e contro il regime di Gheddafi. Evidentemente, l’essersi sbarazzati del Colonnello non è una condizione sufficiente per costruire una Libia nuova, veramente libera e democratica.

{lang: 'it'}

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Tortura e caccia all’uomo nero nella “nuova Libia” | Le persone e la dignità - [...] libiche il concetto di responsabilità individuale è un perfetto sconosciuto. Più semplice punire un’intera città e un’intera [...]
  2. La “nuova Libia” ricorda quella di Gheddafi – Il Fatto Quotidiano - [...] i regolamenti di conti, gli arresti arbitrari, le torture, la caccia all’uomo contro la comunità Tawargha e l’impunità garantita ...
  3. Dopo le elezioni, le sfide che attendono la Libia – Riccardo Noury - Il Fatto Quotidiano - [...] e ai crimini di Misurata, uccidendo, torturando e stuprando per conto di Gheddafi. Risultato: case saccheggiate e bruciate, oltre ...
  4. Libia, la guerra è finita da due anni ma non per tutti - Riccardo Noury - Il Fatto Quotidiano - [...] e soprattutto i tawargha, libici neri.Nella seconda metà del 2011 l’intera popolazione di Tawargha, circa 40.000 abitanti, è stata ...
  5. Libia, la guerra è finita da due anni ma non per tutti | Notizie italiane in tempo reale! - [...] seconda metà del 2011 l’intera popolazione di Tawargha, circa 40.000 abitanti, è stata cacciata da gruppi armati provenienti da ...

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>