Il dis/ordine dei giornalisti

mag 27, 2013 by

Il dis/ordine dei giornalisti

Ho votato, sì. Ma turandomi un po’ il naso, se mi si permette il paragone certamente irriverente con l‘Indro nazionale. E questo perché, dopo aver letto proclami e programmi, tutti più o meno identici – almeno a parole –  non ho potuto fare a meno di chiedermi: pensaci bene, Amed, a chi puoi affidare, con un minimo di fiducia,  il tuo futuro di giornalista, coi tempi che corrono ? E in seconda battuta: a chi puoi demandare le scelte strategiche che riguardano la deontologia, l’accesso alla professione e la difesa della nostra autonomia, in una fase in cui  rispondere a queste domande è fondamentale, se si vuole rilanciare una professione in crisi?  

Decidere non era affatto facile. E francamente la logica “di corrente” – il dover cioè votare “in blocco” una o l’altra lista, come in Bulgaria - mai come oggi mi è sembrata vetusta. Innanzitutto perché le “truppe cammellate” non mi sono mai piaciute: E poi perché, di fronte alle sfide che ci attendono, mi pare che nessuno – né la Maggioranza che governa da sempre gli Istituti di categoria, né l’Opposizione che ha governato nell’ultima tornata l’Odg – abbiano la ricetta giusta.  Brancolano, anzi, tutti nel buio, i nostri rappresentanti di categoria. E sono più presi dai regolamenti di conti interni che dalle sfide che ci riguardano. Tutti, senza eccezione alcuna.

Per questo ho scelto di votare seguendo dei parametri di buon senso. Che ho voglia di condividere con voi, sperando di avere fatto la scelta giusta:

1) Ho votato solo dei candidati giovani, quasi tutti precari e “nativi digitali.  Gli altri, soprattutto gli “anziani“, li ritengo infatti inadeguati a gestire la fase di grande trasformazione in cui siamo immersi. E non mi si venga a dire che questi colleghi hanno un profilo su FB o su Twitter. Quelli ce li ha pure mia madre, che ha 81 anni e che, com’è ovvio, naviga a vista in questo mare  nuovo. E allora io penso che il giornalismo di domani non possa essere disegnato, né tanto meno governato da loro, gli anziani.. Il futuro è dei nativi digitali, che non hanno affatto bisogno di padri putativi.

2) Ho votato solo candidati “nuovi”. Gli altri, i soliti noti,  - e il discorso vale più per la Maggioranza di Autonomia e Solidarietà che per le Opposizioni – hanno avuto tutto il tempo che serviva per riformare il nostro ODG, ma non l’hanno fatto. Anzi, hanno fatto solo resistenza, chiudendo per troppo tempo le porte ai precari e agli atipici, e limitandosi a presidiare (malissimo) il fortino dei garantiti. Tra i” nuovi“, va detto,  c’erano diversi Avatar, io invece e ho provato a scegliere quelli “veri“, in grado di portare una ventata d’aria fresca. E spero che non mi deludano.

3) Ho votato contro l’idea che medici, avvocati e farmacisti possano e debbano decidere come devo fare il mio lavoro. Non ce l’ho con i pubblicisti ma Giornalista è solo chi fa questo lavoro, a tempo pieno. E su questo punto le chiacchiere stanno a zero, come si dice a Roma. L’idea di un Ordine Professionale con 110mila iscitti mi fa rabbrividire, se solo penso che in Francia sono appena 40mila. E chi usa i pubblicisti come massa di manovra non voglio che mi rappresenti. 

Avrò fatto le scelte giuste? Non lo so. So però che non ne posso più di un Ordine che di fronte ai problemi che ci affliggono – e che non sono pochi – arranca e manca di visione strategica. Spero che i candidati che ho votato siano all’altezza della situazione.

{lang: 'it'}

6 Comments

  1. Grazie all’autore del post, hai detto delle cose davvero giuste. Spero di vedere presto altri post del genere, intanto mi salvo il blog trai preferiti.

  2. Behh io ho appena lasciato un commento sul mio Blog con link a questo post… anche per ringranziare pubblicamente i visitatori del blog… grazie ragazzi!

  3. Ciao! Vorrei solo dire un grazie enorme per le informazioni che avete condiviso in questo blog! Di sicuro’ diverro’ un vostro fa accanito!

  4. e’ difficile trovare persone competenti su questo argomento, ma sembra che voi sappiate di cosa state parlando! Grazie

  5. This is very interesting, You are a very skilled blogger.

    I have joined your feed and look forward to seeking more of your
    magnificent post. Also, I’ve shared your web site in my social networks!

  6. Un grande grazie a chi cra questo forum veramente ricco di informazioni per farmi
    partecipare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>