In viaggio con il Moloch (4)

ago 12, 2012 by

In viaggio con il Moloch (4)

IL MOLOCH: ISTRUZIONI PER L’USO            (In Viaggio con il Moloch / 4° Puntata)

Ognuno di noi memorizza a modo suo le esperienze della vita. In viaggio, c’è chi trattiene a mala pena i nomi, chi ricorda invece gli incontri, chi interiorizza le situazioni e chi infine – e forse è la maggioranza – si porta  a casa, a mo’ di cartoline interiori, le immagini dei luoghi che più lo hanno impressionato. Il Moloch è l’unica persona da me conosciuta che non solo ingloba tutte queste varianti – come un hard disk dalla memoria illimitata, al cui interno tutte le informazioni vengono incasellate in appositi file - ma in più ha  una portentosa memoria topografica, che non è cosa comune.
Lui ragione per vallate, canyon, declivi, bacini orografici, insenature e reticolati urbani, di cui fa incetta in maniera compulsiva, da vero intenditore, riuscendo a stamparsi in testa la mappa di una regione in men che non si dica. Ieri, ad esempio, mi sono distratto un attimo – in macchina è lui il pilota, io provo a fare il  navigatore  – e il Moloch ha subito imboccato uno sterrato polveroso e lungo diversi chilometri, solo per verificare se  poteva costituire un accesso alternativo alla spiaggia di Pattara.  Non ce n’era bisogno, perchè in spiaggia c’eravamo già stati, ma la tentazione era troppo ghiotta. Per Sandro, infatti,  l’ignoto topografico non ha diritto di esistere: ogni stradello è una tentazione, ogni bivio una promessa, ogni linea tracciata dalle ruspe (o dall’uomo) un’occasione da non perdere al fine di padroneggiare la conoscenza di un luogo.  E’ una filosofia  che presenta  dei vantaggi – scoviamo infatti dei posti che a volte nemmeno i locali conoscono – ma è vero anche che nessun sindaco in nessun Paese del mondo ci ha mai premiati con la cittadinanza onoraria, né mai la Michelin ci ha fatto omaggio di una Premio Fedeltà. Inoltre  ci siamo sorbiti delle scarpinate memorabili che il sottoscritto, nella sua inveterata pigrizia vacanziera, si sarebbe tranquillamente risparmiato. E infatti gliele rinfaccio, al Moloch, tutte le volte  che c’è fra di noi una resa dei conti. Il che capita, in genere, ogni tre o quattro giorni.
Io  glielo dico sempre al Moloch  che, se lui postulasse un posto all’ANAS, lo farebbero come minimo  Direttore Generale o  Plenipotenziario per i tracciati stradali. E mi meraviglio che il Ministero dei Lavori Pubblici dei vari Paesi da lui visitati non lo aggiornino in tempo reale sui loro progetti. Perché di certo saprebbe fornire loro delle indicazioni utili, in grado di migliorare la  razionalità e l’utilità dei tracciati stradali.  Le sue conoscenze, per di più, non sono volatili come le mie, che mi dimentico anche il nome delle vecchie fidanzate. Lui no, lui si ricorda ancora oggi delle interruzioni sulla strada sterrata che in Tunisia va da Douz a Ksar Ghilane - te le indica sulla carta, con un’approssimazione al massimo di qualche chilometro - e saprebbe inoltre tornare in qualsiasi città e ritrovare ad occhi chiusi o quasi l’albergo dov’è stato dieci anni fa. Un mostro, insomma, che può annichilirti o farti saltare i nervi, a seconda di come ti girano.

In foto avete nell’ordine: il  Moloch che attraversa impavido il canyon del Karakay River, tra il lido di Pattara e Kemer; e  ilMoloch in posa demoniaca alle prese con le Chimere sulle alture di Cirali, vicino Kumluca.

{lang: 'it'}

4 Comments

  1. Orlando

    Mi aspettavo che due valorosi giornalisti Rai trascorressero le ferie in posti un po’ meno vacanzieri tipo Aleppo o qualche angolo sconosciuto del Mali. Ma non importa, questi post mi piacciono anche perché non si parla di cucina.

    • admin

      Apprezzo molto, mio caro Orlando, il fatto che l’estate ti renda meno Furioso del solito. E stai tranquillo, mi seguirai da Aleppo – prima in Rete e poi in Tv – a partire da fine agosto, inch Allah. Sappi inoltre che Sandro, il mio attuale compagno di viaggio, non è un giornalista. Lui è il Moloch…

  2. Orlando

    Chiedo umilmente scusa a Sandro per aver pensato che fosse un giornalista.

  3. just stopped by to check out this site. It appears really interesting and I
    had a good time viewing it, thank you for the good post!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>