Mali: gli annunci-civetta

mar 3, 2013 by

Mali: gli annunci-civetta

Magari sarà vero ma, finché non arriverà una conferma ufficiale, è meglio dubitare dell’uccisione in battaglia di due pezzi da novanta del narco-terrorismo jihadista come l“emiro” Abu Zeid,  numero due di AQMI, e Mokhtar Belmokhtar, l’ideatore del maxi-sequestro di In Amenas, in Algeria. E questo non tanto per il fatto che entrambi sono stati dati per morti a più riprese, negli ultimi anni, ma perché in questa fase, assai delicata, della Guerra delle Sabbie che si combatte nel nord del Mali, anche gli annunci funebri sono armi: servono infatti a stanare i target ed obbligarli a venire allo scoperto, per le smentite del caso. Non dimentichiamoci che in PakistanAfghanistan, con questa stessa tecnica, gli americani sono riusciti a localizzare e poi a sbarazzarsi di diversi quadri importanti di Al Qaeda. E allora, perché non riprovarci?

D’altra parte, nell’universo jihadista è prassi corrente riconoscere la morte in battaglia di tutti i propri martiri, per osannarne il sacrificio. E finora nessun sito jihadista ha dato la notizia della duplice morte, che arriva infatti da ‘Ndjamena  e non ha trovato conferme né fra le forze francesi presenti nell’area né nei servizi segreti algerini, che con l’AQMI ed i gruppi ad essa legati hanno una lunga frequentazione. Meglio aspettare, dunque, prima di esultare.  

L’unica cosa certa è che in Mali adesso si sta combattendo la guerra vera e non più la sceneggiata delle prime settimane, con le truppe francesi e maliane lanciate ventre a terra alla riconquista delle città del Nord. Adesso si combatte, con morti e feriti da entrambe le parti, sul massiccio degli Ifoghas; e si combatte pure nelle città, a Gao e a Kidal, con auto-bombe. kamikaze e mine. E’ una guerra ovviamente asimettrica, che non può che preoccupare: la dinamica di molti episodi indica infatti che questi gruppi narco-jihadisti possono contare su una solida rete di alleanza, oltre che su una perfetta conoscenza del terreno. Chiudere la partita con loro non sarà un’impresa semplice. E affidarsi alla potenza delle armi può creare false illusioni. Come in tanti si sforzano di dire, la soluzione ai problemi di sicurezza nell’area saheliana è politica, prima ancora che militare. E passa soprattutto dalla volontà di affrontare, una volta per tutte, la questione del Nord, in termini di sviluppo e autonomia.

 

{lang: 'it'}

1 Comment

  1. mario petillo

    tieni duro,
    sono un tuo lettore,e ho scoperto tra l’altro che abbiamo un amico in comune, Claudio Milanesi
    in bocca al lupo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>