Press Play-List

apr 19, 2012 by

Press Play-List

PPL. Una play-list della press che amo. Parlo di firme, di giornalisti cioè che vale la pena di leggere: perchè sono dotati di una bella penna, perchè sono credibili, perchè quello che scrivono stimola i neuroni superstiti e non si conforma alla melassa conformista dei media mainstream. E’ il mio modo di difendermi dall’infobesità dominante, l’unica diga sensata che riesco ad opporre alle news che mi accerchiano dappertutto: in redazione, in Rete, al telefono, al supermercato e in aeroporto. Per lavoro mi tocca dare un’occhiata a tutto, ma confesso che leggo con piacere solo quelli di cui mi fido: quelli che mi fanno godere o che mi danno un valore aggiunto. Questa è la mia personale play-list, in ordine rigorosamente sparso e condizionata ovviamente dai miei campi di interesse:

1) la striscia a fumetti di Stefano Disegni sul settimanale Sette del Corriere della Sera. Sul mondo rutilante della nostra tv è da anni un appuntamento imperdibile, l’unico che racconti i veri retroscena ed evidenzi i veri problemi : altro che gli articoli dei vari critici televisivi, ormai tutti marchettari.

2) gli articoli di Annalena Benini e Stefano di Michele su Il Foglio. Entrambi sono dotati di una penna che scorre come olio su tela e riesce a danzare con le parole tanto da procurarti un piacere viscerale, immediato. Una goduria, per il mio palato.                                                                                                                                                      

3) I pochi mostri sacri ancora in circolazione che siano capaci di raccontare storie vere: Ettore Mo sul Corriere della Sera, Paolo Rumiz e Gianni Mura su Repubblica, Guido Ceronetti su La Stampa, Toni Capuozzo su Canale 5. Leggerli mi riconcilia con il mestiere. E non è poco, visti i tempi.   

4) Il supplemento del sabato del Manifesto, Alias. Certo, non è La Talpa, che resterà sempre nel  cuore di chiunque l’abbia letta, nei decenni ’80-’90. Ma ne ha mantenuto lo spirito iconoclasta e, soprattutto, dirige il suo sguardo laddove gli altri latitano,  per il solito eccesso di conformismo. Una boccata di ossigeno.

5) Sugli avvenimenti nel mondo: Astrit Dakli dall’ex-URSS su Il Manifesto, Massimo Alberizzi dall’Africa sul Corriere della SeraUgo Tramballi dal Medio Oriente su Il Sole 24 Ore, Fausto Biloslavo dall’Afghanistan su Il Giornale, l’Osservatorio Balcani e Caucaso  e Le Courrier International

6) La rubrica quotidiana Innamorato Fisso di Maurizio Milani su Il Foglio. Quel tocco di non sense che ti aiuta a vivere.

P.S. Sono certo di aver dimenticato qualcuno. Ma Umberto Eco insegna che le liste danno le vertigini. E comunque faccio sempre in tempo a rimediare.  

 

{lang: 'it'}

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>