Silenzio, si muore

mar 23, 2013 by

Silenzio, si muore

Onesta, umiltà, passione, competenza, interazione e trasparenza: sono secondo me i presupposti per costruire un nuovo patto di fiducia fra giornalismo e pubblica opinione nell’era della Rete e dei social network. Non c’è altra via per recuperare la credibilità di un mestiere che sembra aver perso l’anima, oltre che la bussola, e si dimostra sempre più incapace di intercettare le esigenze reali dei suoi  ”editori di riferimento”, quelli veri, che sono i lettori o i radio-tele-spettatori, al cui servizio noi giornalisti dovremmo  porci, sempre. Le tecnologie digitali offrono da questo punto di vista delle opportunità gigantesche per innervare di linfa fresca il nostro lavoro, per ridargli senso e dignità. Bastano solo un pizzico di coraggio e la voglia di sperimentare, rimettendosi in gioco personalmente.

Prendiamo il caso della Siria, una tragedia infinita che si consuma nell’indifferenza delle cancellerie occidentali e dell’opinione pubblica internazionale. Raccontarla andando sul posto non è facile, come dimostra l’alto tributo di sangue già pagato dai giornalisti e dagli operatori dell’informazione che in questi due anni hanno provato a farlo. E poi c’è il rischio dell’effetto-assuefazione, che consiglia di non esagerare con le notizie, le foto o le immagini dai fronti di guerra per non turbare troppo i sensi e le coscienze delle famigliole riunite per cena nel tinello di casa. Tutto vero. Forse, però, l’indifferenza è figlia anche della nostra incapacità di raccontare la tragedia siriana, coinvolgendo di più e meglio il nostro pubblico, rendendolo cioè partecipe di quella tragedia. Ed è una cosa che si può fare, con le tecnologie che abbiamo a disposizione. Anzi, è una cosa che si deve fare, se si crede nel dovere della testimonianza e nel diritto all’informazione. 

Da questa esigenza è nato il progetto “Silenzio, si muore”, primo esperimento RAI (e italiano) di giornalismo partecipativo. Dal al 15 aprile sarò di nuovo in Siria, a decidere questa volta il mio percorso di viaggio, le notizie da seguire e le storie da raccontare, sarà un gruppo di studenti di San Lazzaro di Savena, collegati costantemente con me via Skype. E’ un gruppo che ha già avuto modo di seguire il lavoro che noi di “La Storia siamo noi” abbiamo fatto nei mesi scorsi ad Aleppo con“Siria 2.0″  e sono ragazzi magnifici, da cui mi farò guidare con piacere, certo che i loro consigli, dubbi ed emozioni possano essermi altrettanto utili di quelli che può darmi un collega o il mio direttore.

Non sarà un video-gioco, attenzione. Sarà un modo per portarli con me, tutti e 20, grazie a una tecnologia che ormai annulla qualsiasi distanza. E sono certo che sarà un modo per raccontare la guerra in maniera diversa e, spero, più coinvolgente. Potranno seguirlo tutti gli internauti, sul sito RAI de La Storia siamo noi, grazie ad un web-doc che costruiremo giorno dopo giorno, io dalla Siria e i ragazzi dall‘Italia.  Maggiori dettagli ve li darò nel prossimo post. Per adesso vi dico solo: accorrete numerosi, perché ne vale la pena.

P.S. SILENZIO, SI MUORE non sarà solo un web-doc e un reportage televisivo. Sarà anche una open community a cui ognuno potrà dare il suo contributo dalle nostre pagine sui social network. Cominciamo perciò a dare gambe solide a questa nostra community, condividendo questo post e gli altri che seguiranno…

{lang: 'it'}

7 Comments

  1. gianni

    Sarebbe giusto ora,si dice che non è mai tardi,ma i midia e la stampa stavolta hanno toppato,è tardi e come.Facciamo decollare questo progetto!!!!

  2. Spero che tu i tuoi colleghi stiate bene. Un saluto.

  3. d

    Forza e coraggio, sperando che vi liberino presto!

  4. mario petillo

    tieni duro

  5. Palmira Tricarico

    Vai Amedeo…………. fatti forza!!! Siamo con te!!!!

  6. mario petillo

    bentornato!

  7. Sabina Pizzamiglio

    Un immenso sollievo la bella notizia, oggi. L’importanza del vostro lavoro, del vostro coraggio, è tutta scritta in questa pagina. E io vi sono riconoscente. Sabina Pizzamiglio

Trackbacks/Pingbacks

  1. Quattro giornalisti italiani rapiti in Siria - Giornalettismo - [...] Si tratterebbe di una troupe di Minoli. Nel paese, per Minoli, lavorerebbero tra gli altri Andrea Vignali e Amedeo ...
  2. Siria, sequestrati 4 giornalisti italiani. Tra loro anche collaboratrice del Fatto.it - Il Fatto Quotidiano - [...] anche dal fotografo Elio Colavolpe, il documentarista Andrea Vignali e la reporter Susan Dabbous, impegnati in Siria da giorni ...
  3. Amedeo Ricucci rapito in Siria assieme a tre colleghi | Calabrie.it - La Calabria raccontata nei suoi mille volti - [...] Il documentario dal nome “Silenzio si muore“, come lo stesso Amedeo Ricucci lo presenta sul suo blog, sarebbe stato ...
  4. Silenzio, si muore (di Amedeo Ricucci) | USIGRai - [...] Fonte: FerriVecchi, il blog di Amedeo Ricucci [...]
  5. Siria, sequestrati giornalisti italiani | Dialogo (davvero) Pd-Pdl | 309, L’Aquila | Rallenta il recovery Usa | Weekender… | Good Morning Italia - [...] Siria, sequestrati giornalisti italiani | Dialogo (davvero) Pd-Pdl | 309, L’Aquila | Rallenta il recovery Usa | Weekender… ...
  6. Rassegna Stampa - Pagina 695 - [...] Silenzio, si muore | Ferri Vecchi [...]
  7. Quattro giornalisti in Siria e l’italica logorrea | MAKTUB - [...] la verità dei fatti, anche questa molto desiderata. Un pensiero particolare per Amedeo Ricucci (ved ultimo articolo del suo ...
  8. Silenzio, si spera. Laura Silvia Battaglia sulla vicenda dei quattro giornalisti “rapiti” in Siria. Tra loro anche Amedeo Ricucci vincitore del Premio Ilaria Alpi | Ilariaalpi.it - [...] un intervento sulla vicenda dei quattro giornalisti “rapiti” in Siria. Tra loro anche Amedeo Ricucci, vincitore del Premio Ilaria ...
  9. Siria. Liberati i quattro giornalisti italiani rapiti | Ossigeno Informazione - [...] OSSIGENO – 13 aprile 2013 – I quattro giornalisti italiani trattenuti in Siria dallo scorso 4 aprile sono stati liberati: ...
  10. Siria: la difficoltà di informare, la facoltà di non informare - [...] giornalisti si trovassero in Siria proprio per realizzare un documentario per il programma Rai, La storia siamo noi, dal ...
  11. Al Qaeda: “nostri uomini in Siria”. Armi chimiche? Bergoglio non dà risposte al Vicario apostolico di Aleppo, Nazzaro | Escogitur.it - [...] [2] http://www.amedeoricucci.it/silenzio-si-muore/ [3] http://www.lastoriasiamonoi.rai.it/dossier/dossier-siria-2-0-diario-di-guerra/84/1/default.aspx [...]
  12. In Siria la Rai sperimenta il giornalismo partecipativo | LSDI - [...] un gruppo che – racconta Ricucci sul suo blog – ‘’ha già avuto modo di seguire il lavoro che ...
  13. Siria: la difficoltà di informare, la facoltà di non informare – Mediapolitika Settimanale d'informazione - [...] giornalisti si trovassero in Siria proprio per realizzare un documentario per il programma Rai, La storia siamo noi, dal ...

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>